L'IA non è intelligente

L’IA non è intelligente: 60° SustainabiliTALKS©

Ascolta direttamente il podcast

Clicca sul player qui sotto per ascoltare direttamente il podcast. Se lo preferisci, sotto trovi l’indice dei minuti degli argomenti principali, un breve riassunto, e i link alle principali piattaforme di podcast.

L’ospite

Rating di sostenibilità: come sta cambiando la percezione della sostenibilità da parte di chi valuta gli investimenti? Nella puntata di oggi il CEO di Exsulting, Federico Fioretto, conversa con Camilla Bossi Associate Director Client Relationship di Morningstar Sustainalytics.

I temi principali:

Questi i temi principali e il minutaggio:

  • 1’5′” chi è Federico Faggin
  • 6’50” l’IA e l’intelligenza
  • 13’20” Machine learning e apprendimento umano
  • 18’43” l’IA e il libero arbitrio
  • 25′ 00″ IA e creatività 29’00” Il collasso della funzione d’onda: i fenomeni
  • 39’22” La responsabilità di creare gli eventi
  • 42’00” L’intuito capacità esclusiva umana
  • 49’40” Come fare buon uso dell’IA
  • 52’55” L’importanza dell’educazione

L’ospite

82 anni, lucidissimo, Federico Faggin fisico e imprenditore italiano, che vive dal 1968 negli USA, conosce meglio di chiunque altro la natura e i limiti dei computer. A lui abbiamo chiesto se l’IA possa essere considerata “intelligente” e come sfruttarne meglio i vantaggi, evitandone i rischi.

Computer e coscienza

Faggin ci parla dal triplice punto di vista di un esperto di informatica, di fisica quantistica e del tema della coscienza. Infatti, negli ultimi trent’anni Faggin si dedica anima e corpo allo studio del fenomeno della coscienza, della quale ha sviluppato una teoria avanzata che spiega nel suo ultimo libro “Irriducibile” (che raccomandiamo caldamente di leggere).

Per lui il divario tra intelligenza umana e computer è incolmabile; questo proprio in virtù della diversa natura dei due. Il computer è una macchina classica, deterministica, che può solo lavorare a grande velocità scelte binarie basate sul duo 1-0, individuando al massimo alte probabilità statistiche di corrispondenze simboliche.

L’essere umano, ma anche la singola cellula, sono al contrario “macchine” sia classiche che quantistiche, operando allo stesso tempo dei due modi. Questo però permette di creare realtà prima non esistenti, in base alla disponibilità del libero arbitrio. Cosa del tutto preclusa al computer, per quanto potente e “intelligente” sia.

L’IA non è intelligente

Per questo Faggin, in conclusione, invita a ricordare bene questa differenza e che l’uomo è molto di più di una macchina, checché la si voglia chiamare “intelligente”. Dunque l’esortazione è quella di mantenere il controllo sulle nostre vite, usare intelligentemente i computer e le tecnologie dell’IA, ma sapendo che ne trarremo beneficio solo se manterremo la responsabilità di ciò che da esse viene elaborato e definito.

Buon ascolto!

Come annunciato nell’episodio, ecco il link per l’iscrizione al corso sul Sistema di Gestione Integrata della Sostenibilità© (SGIS©) del 17 Aprile 2024: https://info.alens.it/corso-di-formazione-gestione-integrata-della-sostenibilita

In questo tempo di transizioni efficaci, scopri come Exsulting può aiutare la tua azienda sul cammino della sostenibilità strategica e integrata, visitando il nostro sito. Testa gratuitamente il nostro ESIndex®, l’unico indicatore di sostenibilità integrata certificato a norma ISO.

L’Episodio è disponibile su tutti i nostri canali social

L’episodio è disponibile dal 24 Gennaio 2024 sul canale dei SustainabiliTALKS© di Apple podcast, Spotify, Spreaker, Google podcast, Anchor e Pocket Casts.

Inoltre, per chi volesse assistere al video, la registrazione è disponibile sul canale Youtube  di Exsulting

 

Articolo precedente
Rating di sostenibilità: un mondo in transizione. 59° SustainabiliTALKS©
Articolo successivo
Sostenibilità a due ruote: 61° SustainabiliTALKS©

Categorie

SustainabiliTALKS©

Embedded Sustainability Index® è uno strumento di valutazione e supporto al progresso dell’Impresa verso la Sostenibilità e l’Economia Circolare.
È basato su 36 fattori correlati agli standard internazionali più significativi per definire la capacità di un’Organizzazione di sviluppare con successo strategie di Sostenibilità Integrata.

Ascolta direttamente il podcast

Clicca sul player qui sotto per ascoltare direttamente il podcast. Se lo preferisci, sotto trovi l’indice dei minuti degli argomenti principali, un breve riassunto, e i link alle principali piattaforme di podcast.

L’ospite

Rating di sostenibilità: come sta cambiando la percezione della sostenibilità da parte di chi valuta gli investimenti? Nella puntata di oggi il CEO di Exsulting, Federico Fioretto, conversa con Camilla Bossi Associate Director Client Relationship di Morningstar Sustainalytics.

I temi principali:

Questi i temi principali e il minutaggio:

  • 1’5′” chi è Federico Faggin
  • 6’50” l’IA e l’intelligenza
  • 13’20” Machine learning e apprendimento umano
  • 18’43” l’IA e il libero arbitrio
  • 25′ 00″ IA e creatività 29’00” Il collasso della funzione d’onda: i fenomeni
  • 39’22” La responsabilità di creare gli eventi
  • 42’00” L’intuito capacità esclusiva umana
  • 49’40” Come fare buon uso dell’IA
  • 52’55” L’importanza dell’educazione

L’ospite

82 anni, lucidissimo, Federico Faggin fisico e imprenditore italiano, che vive dal 1968 negli USA, conosce meglio di chiunque altro la natura e i limiti dei computer. A lui abbiamo chiesto se l’IA possa essere considerata “intelligente” e come sfruttarne meglio i vantaggi, evitandone i rischi.

Computer e coscienza

Faggin ci parla dal triplice punto di vista di un esperto di informatica, di fisica quantistica e del tema della coscienza. Infatti, negli ultimi trent’anni Faggin si dedica anima e corpo allo studio del fenomeno della coscienza, della quale ha sviluppato una teoria avanzata che spiega nel suo ultimo libro “Irriducibile” (che raccomandiamo caldamente di leggere).

Per lui il divario tra intelligenza umana e computer è incolmabile; questo proprio in virtù della diversa natura dei due. Il computer è una macchina classica, deterministica, che può solo lavorare a grande velocità scelte binarie basate sul duo 1-0, individuando al massimo alte probabilità statistiche di corrispondenze simboliche.

L’essere umano, ma anche la singola cellula, sono al contrario “macchine” sia classiche che quantistiche, operando allo stesso tempo dei due modi. Questo però permette di creare realtà prima non esistenti, in base alla disponibilità del libero arbitrio. Cosa del tutto preclusa al computer, per quanto potente e “intelligente” sia.

L’IA non è intelligente

Per questo Faggin, in conclusione, invita a ricordare bene questa differenza e che l’uomo è molto di più di una macchina, checché la si voglia chiamare “intelligente”. Dunque l’esortazione è quella di mantenere il controllo sulle nostre vite, usare intelligentemente i computer e le tecnologie dell’IA, ma sapendo che ne trarremo beneficio solo se manterremo la responsabilità di ciò che da esse viene elaborato e definito.

Buon ascolto!

Come annunciato nell’episodio, ecco il link per l’iscrizione al corso sul Sistema di Gestione Integrata della Sostenibilità© (SGIS©) del 17 Aprile 2024: https://info.alens.it/corso-di-formazione-gestione-integrata-della-sostenibilita

In questo tempo di transizioni efficaci, scopri come Exsulting può aiutare la tua azienda sul cammino della sostenibilità strategica e integrata, visitando il nostro sito. Testa gratuitamente il nostro ESIndex®, l’unico indicatore di sostenibilità integrata certificato a norma ISO.

L’Episodio è disponibile su tutti i nostri canali social

L’episodio è disponibile dal 24 Gennaio 2024 sul canale dei SustainabiliTALKS© di Apple podcast, Spotify, Spreaker, Google podcast, Anchor e Pocket Casts.

Inoltre, per chi volesse assistere al video, la registrazione è disponibile sul canale Youtube  di Exsulting

 

Articolo precedente
Rating di sostenibilità: un mondo in transizione. 59° SustainabiliTALKS©
Articolo successivo
Sostenibilità a due ruote: 61° SustainabiliTALKS©
SustainabiliTALKS©
SustainabiliTALKS©

Embedded Sustainability Index® è uno strumento di valutazione e supporto al progresso dell’Impresa verso la Sostenibilità e l’Economia Circolare.
È basato su 36 fattori correlati agli standard internazionali più significativi per definire la capacità di un’Organizzazione di sviluppare con successo strategie di Sostenibilità Integrata.